Traducción ó milanés

Cari amici galiziani,
ho saputo che per il 17 maggio state preparando un sito nel web sulla Galizia, con traduzione in molte lingue di un testo galiziano (l'ho saputo da una rete berbera: Amazigh-net). Mi permetto di mandarvi una traduzione in milanese, la lingua dei miei padri, che ha una splendida letteratura, ma
oramai è seriamente minacciata di sparire.
Vi scrivo in italiano, perché spero che tra noi neolatini ci si possa capire senza bisogno di quella caricatura di lingua che è l'inglese. Io uso gli accenti, e spero che voi riusciate a leggere correttamente il testo. Eventualmente, vi posso fornire una trascrizione senza accenti.

i hoo semper voruu che la lengua galizianna la seguitass a viv, perchè la soa esistenza l'è la solla speranza che gh'emm de seguità a vess ona nazion. Mi voraria la sopravvivenza de la Galizia, ma minga domà la terra, la soa erba e i sò sass, che gh'hinn sotterraa i noster vecc, ma anca quella patria che l'è el noster lenguagg. Se propi gh' hoo de vess lodaa on quai dì, quand saroo in la foppa a fà cress l'erba de sto noster paes, me piasariss avegh scritt desoravia: "Chichinscì, gh'è sotta vun che l'è staa bon de faa durà la Galizia ancamò milla primaver"

Grazie e arrivederci.

Vermondo BrugnatelliVolver a Mil Primaveras